Quali sono i pro ei contro di un’isterectomia addominale totale?

I pro e i contro di un’isterectomia addominale totale possono variare in base al paziente e possono includere i benefici di non doversi preoccupare di gravidanze indesiderate, sollievo da problemi ginecologici e cura dei tumori ovarici, cervicali e uterini. Nella maggior parte dei casi, una isterectomia completa è riservata a casi gravi di malattia, sebbene alcune donne possano sceglierne una se sussiste una minaccia di malattia. Gli svantaggi della procedura possono includere i rischi associati ad avere un intervento chirurgico maggiore, non essere più in grado di avere figli e l’inizio della menopausa se non si è già verificato.

L’isterectomia addominale totale si riferisce a una procedura in cui le ovaie, l’utero e le tube di Falloppio vengono rimosse dal corpo. Viene generalmente eseguita per il trattamento dei tumori nel sistema ginecologico quando hanno progredito verso più di un organo riproduttivo o non hanno risposto a trattamenti meno invasivi come la chemioterapia. Dopo l’intervento, le donne attraversano la menopausa in modo molto simile a una donna durante la mezza età, ma spesso a un ritmo molto più veloce. I sintomi si verificano spesso e possono includere vampate di calore, sbalzi d’umore, sudorazione notturna, perdita di capelli o assottigliamento e talvolta dolore addominale da lieve a moderato nelle settimane successive all’intervento.

Avere un’isterectomia totale è anche un aspetto negativo per le donne più giovani che potrebbero aver voluto bambini. Una volta rimosse le ovaie, l’utero e le tube di Falloppio, la donna non è più fertile e non sarà in grado di avere figli naturalmente. A volte le sue uova possono essere raccolte e salvate per l’uso in un surrogato, ma la donna non sarà in grado di portare da sola un bambino.

Un’isterectomia addominale totale può essere necessaria, tuttavia, soprattutto quando i trattamenti per i tumori della riproduzione non sono riusciti fino a quel momento. Se non si è diffuso, rimuovere gli organi è spesso il modo migliore per garantire la sopravvivenza. Sebbene l’intervento chirurgico abbia alcuni rischi come qualsiasi operazione, di solito sono considerati molto più piccoli rispetto al cancro. Alcune complicazioni che possono insorgere durante l’intervento comprendono infezioni, sanguinamento, infarto e reazioni all’anestesia.

Occasionalmente può essere eseguita un’isterectomia addominale totale per prevenire malattie ginecologiche o per il trattamento di malattie non letali che causano dolore severo e cronico. La chirurgia è generalmente utilizzata solo in coloro che sono in estremo dolore e quando nessun altro trattamento ha funzionato. A volte un’alta storia familiare di tumori uterini o ovarici può anche essere sufficiente per giustificare un intervento chirurgico, soprattutto se una donna riceve più pap test irregolari.

Solo raramente è l’isterectomia addominale totale utilizzata come forma di controllo delle nascite, ma per coloro che lo fanno per ragioni mediche, questo può essere un effetto collaterale positivo. Le donne che hanno finito di avere figli possono sentirsi liberi di non dover mai temere di rimanere incinte una volta che la procedura è stata eseguita. Viene anche data loro tranquillità riguardo alla loro salute, dal momento che molti tumori ginecologici hanno eccellenti tassi di sopravvivenza quando vengono catturati precocemente e trattati in modo appropriato.