Cos’è una cordotomia?

Le cordotomie sono procedure chirurgiche utilizzate per alleviare il dolore ricorrente. La cordotomia di solito viene eseguita in un punto lungo la colonna vertebrale, a seconda di dove il dolore si sta originando. In molti casi, questo tipo di procedura può essere utile per i pazienti con cancro e altre malattie terminali, dal momento che la chirurgia può essere impiegata al posto di antidolorifici per minimizzare il disagio e consentire al paziente di essere relativamente indolore durante quegli ultimi giorni.

Una cordonomia spinale comporta la separazione di alcune fibre nel midollo spinale che controllano la percezione del dolore. Le fibre vengono tagliate e poi cauterizzate per prevenire l’infezione. L’effetto è istantaneo, permettendo al paziente di essere libero dal dolore costante che esisteva prima dell’intervento. Negli ultimi anni, il tempo di recupero dalla procedura è stato ridotto al minimo a causa del crescente utilizzo della cordotomia laser.

Insieme all’allentamento del dolore per i pazienti terminali, la cordotomia può anche essere impiegata per alleviare le percezioni della temperatura scomoda in alcune zone del corpo. Ad esempio, se un paziente soffre costantemente di un senso di calore o freddo estremo in una gamba o un braccio, questo tipo di procedura chirurgica bloccherà rapidamente quel senso di temperatura estrema. Per i pazienti che sanno quanto possano essere angoscianti questi punti caldi e freddi, la capacità di essere liberi da quella sensazione fa un enorme miglioramento della qualità della vita.

La procedura stessa viene solitamente eseguita in anestesia locale quando viene utilizzata la tecnologia laser. Tuttavia, quando la cordotomia viene combinata con l’esecuzione di una laminectomia, il paziente viene generalmente reso incosciente, poiché il punto di ingresso è molto più grande. Quando possibile, i chirurghi preferiscono andare con quella che è nota come una cordotomia percutanea, poiché c’è meno rischio di un’infezione e il paziente si riprenderà dalla procedura più velocemente.

Nel corso del tempo, questa procedura chirurgica si è dimostrata utile nell’aiutare i pazienti a gestire il dolore in tutto il corpo. È possibile sottoporsi a una cordotomia vocale o cervicale. Una recente applicazione della procedura ha a che fare con l’attenuazione del dolore nell’area generale intorno ai polmoni e al cuore. Questo è spesso il caso in cui vi è la necessità di alleviare il dolore che è associato al cancro del polmone terminale. In termini di effetti collaterali di cordotomia, il più comune ha a che fare con un persistente senso di formicolio o intorpidimento. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti ritiene che affrontare queste sensazioni minori sia molto più facile del disagio affrontato prima di sottoporsi alla procedura.